20111217

Mario Monti e la merda


Io l'ho detto subito, a questo punto meglio che rimanga Berlusconi, piuttosto che venga eretto a salvatore della patria il capitalista buonista che con gentilezza ti incula il triplo. Il nano complessato metteva in risalto e amplificava le contraddizioni del sistema. Se fosse rimasto forse saremmo falliti davvero in fretta, lo stato sarebbe presto crollato sotto i colpi di quel vero eversivo e dei suoi scagnozzi. Il sistema ovviamente non poteva permetterlo e hanno rimosso il nano prima che il nano li facesse sprofondare tutti con lui. Ma ormai è tardi.
Il collasso del capitale avverrà comunque e ci aprirà le porte verso nuovi orizzonti, a noi e a tutta l'Europa. Darà il via a pulsioni sotterranee fortissime. A un nuovo '48 forse.
Falliremo lo stesso ma fra qualche anno. E facendo un tonfo ancora più grande. E rialzarci sarà ancora più difficile. Ma noi siamo pronti. E consapevoli dei rischi...Perché l'avanzare di questa crisi del capitale è inesorabile e si aggraverà sempre di più, la crescita infinita è impossibile in un mondo finito. L'unica alternativa che ha sempre avuto l'impero per non perire è stata distruggere per ricostruire. Cioè provocare nuove guerre. E di conseguenza nuove dittature militari. Purtroppo per loro però, questa volta, a differenza del passato, altre guerre non faranno che accelerare il processo di auto-distruzione. La necessità di risorse del capitalismo mondiale è in costante aumento, ma queste sono sempre più care e rare. Anche la popolazione è in continuo drammatico aumento. Il nostro habitat è sempre più compromesso, e di questo passo più prima che poi collasserà. Il capitale finirà per perire perché il pianeta glielo imporrà. Ma se sarà solo PachaMama a battere i pugni sul tavolo non ci sarà spazio per una nuova umanità. Se ogni individuo non si prenderà le sue responsabilità, se continueremo a delegare le decisioni della nostra vita a qualche tipo di autorità, se la coscienza e la conoscenza continueranno ad essere secondarie, allora se avremo un'altra possibilità di iniziare questa sarà di nuovo sprecata. Solo se l'umanità maturerà potrà instaurarsi una società basata sulla solidarietà. E per maturare dobbiamo affrancarci da ogni autoritarismo. Come degli adolescenti che lasciano la casa dei genitori per diventare adulti, l’uomo come individuo prima e l'umanità come complesso sistema di individui coscienti poi, devono abbandonare la protezione che gli danno questi vecchi padrastri ubriaconi violenti e codardi e stolti che ci vogliono portare alla rovina, liberarsi da questi falsi sistemi democratici che non sono altro che nuove forme di dominio, superare questa fase neo-medioevale di incoscienza e ignoranza, seppellire una volta per tutte i grotteschi riti arcaici come quello cristiano o quello ebreo o quello islamico, smettere di delegare la “giustizia” a terzi e occuparsi di persona delle proprie controversie con il prossimo... in definitiva liberarci da tutto ciò che ci rende schiavi per iniziare a vivere in una società libertaria, perché ogni individuo possa prendere coscienza di sé stesso e della comunità e diventare così parte di un tutto. L’importante è che ognuno viva in simbiosi con la natura e con il prossimo, che ognuno di noi capisca che tutto ciò è inevitabile, o non ci sarà più umanità. Un complesso sistema di individui coscienti, come un formicaio dove ogni formica avesse coscienza di sé stessa e un'intelligenza individuale. Il salto di qualità lo si può fare solo così. L'umanità nuova non può che essere una super-intelligenza formata da intelligenze individuali, tutte volte all'unico obbiettivo possibile. L'unico scopo che può avere ogni forma di vita. Quello di perpetrare sé stessa. Almeno nel ricordo. Almeno nella speranza, remota, che un giorno un altro Pianeta Vivente abbia informazione di ciò che fu questo... Se no alla fine spariremo come sparisce una bolla di sapone. Puff...

P.S.: - Aho! Ma che c'entra tutto ciò con Monti e la merda? -

- Perché non si è capito? -


Nessun commento: