20111122

Mare Nostrum


La società orwelliana di "1984" è lì, da decenni, e come nella “Fattoria degli animali” le parole scritte sul fienile cambiano senza che nessuno sembri accorgersene. Ma il Grande Fratello imponeva i televisori ai propri compagni, mentre noi scegliamo liberamente di piazzare monitor ovunque, decidiamo liberamente di attaccarci il nostro cervello e di delegargli i nostri pensieri.
I due autoritarismi, quello capitalista e quello marxista, si sono fusi in un perverso, e a vederla oggi inevitabile, gioco di oppressione, che tramuta i più in zombie decerebrati ebeti e felici di poter scegliere tra le poche tranquillizanti opzioni che gli vengono "offerte", perdendo così ogni originalità individuale. Oppressi e felici di esserlo!

Fino a pochissimi mesi fa si esaltava la rivoluzione egiziana. I giovani arabi che si scontravano contro le armi del regime di Moubarak erano rivoluzionari moderni che utilizzavano il web per organizzare le proteste ed amplificare il loro messaggio di libertà contro satrapi che lì opprimevano da decenni. Il temibile regime egiziano uccideva centinaia di martiri a piazza Tahir. I mezzi di informazione occidentali almeno riflettevano questa realtà, quando invece l'impero stava semplicemente approfittando della situazione per portare a termine un colpo di stato utile ai propri interessi. Ora che riprendono le proteste contro i poteri messi lì dagli occidentali, gli stessi ragazzi vengono chiamati ribelli, non si parla più di rivoluzione ma di scontri tra il governo e i giovani radicali. Si avvicinano le elezioni, l'occidente sta per mettere il tappo definitivo alle aspirazioni di libertà dei giovani del Maghreb. Arriva la "democrazia"!
Ma le rivolte arabe tentano un nuovo scatto contro i neo-satrapi “liberatori”.
Il regime ha cambiato il lessico, in sei mesi, e ora i buoni borghesi occidentali non verranno più sferzati ad appoggiare i rivoluzionari del Nord Africa dai loro amati TG di regime. Camaradas africanos, non contate sull'appoggio delle sinistre borghesi europee, l'attenzione dell'impero nasconde sempre un' inculata. Non mollate, la vostra lotta è la nostra lotta. Il crollo del capitalismo in Europa e la liberazione della coste africane dall'oppressione dell'impero potranno ridare fiato a tutto il Mediterraneo, che dovrà ritornare ad essere un luogo di scambio di Culture e non di schiavismo e mercanteggio becero. È necessario continuare a lottare, se no il Mare NOSTRUM, culla delle prime straordinarie civiltà dell'umanità, perirà schiacciato dalla crescita infinita. E noi con lui.

20111117

La TAV di Interesse Strategico Nazionale!


Mentre tutti i buoni borghesi che lottano per un mondo migliore dal loro divano fremevano aspettando di veder cadere il nano complessato, lui annunciava che si sarebbe levato dalle palle dopo l'approvazione della legge di stabilità. E quindi tutti ad aspettare fremendo che questa legge di stabilità venisse approvata, per poter stappare la bottiglia di Moet&Chandon che riservavano da 20 anni. Nessuno che si sia chiesto che cosa cazzo era sta legge di stabilità. Nessuno che l'abbia spiegata, almeno prima dell'approvazione. I pochi che hanno detto di cosa si trattava lo hanno fatto in mezzo ai fuochi artificiali e non si è riusciti a sentirli.

Ve la riassumiamo qui, così per dare un idea di come ci inculavano mentre tutti si divertivano e festeggiavano: ci sono incentivi per la flessibilità, tradotto: precariato ancora più selvaggio; aumenti sulle accise nel 2012 e nel 2013, tradotto: ci rubano ancora più soldi; liberalizzazione dei servizi pubblici, tradotto: continuano a svendere i nostri beni comuni e probabilmente si puliranno il culo con il referendum di quest'anno che obbliga le municipalizzate a rimanere pubbliche; riforma delle pensioni imposta dai banchieri europei, tradotto: rubano i soldi che i lavoratori hanno versato per decenni per avere una pensione.
E dulcis in fundo dichiara la Torino-Lione, cioè la TAV, di “interesse strategico nazionale”, quindi tutte le aree interessate, come la Val di Susa, saranno militarizzate per legge. E chi vi si introdurrà sarà punito a norma dell'articolo di sto cazzo che prevede che intanto la TAV NON LA FATE LO STESSO!!! Non molleremo mai. Ci dovete ammazzare tutti. Non vi permetteremo più di devastare la nostra terra, stolti capitalisti bastardi. Ne va delle nostre vite, del futuro delle prossime generazioni.
Noi siamo i giusti, loro, e tutti quelli che li seguono, sono solo degli ignobili deficienti.

20111116

Umiliati


Gente che festeggiava a Palazzo Grazioli, al Quirinale... tutti felici... e io che rosicavo. Io che quasi quasi preferivo un mafioso locale che un banchiere tedesco. Anche io credevo che avrei fatto festa il giorno che il nano complessato fosse caduto (ma è poi veramente già caduto? E i 20 canali televisivi? E Mondadori? E le assicurazioni? E mediobanca? E tutti i tentacoli del "Caimano"?).
Ma anche questo mi hanno scippato. Neanche la gioia di brindare alla caduta del re nudo ci hanno permesso. Anzi, abbiamo anche subito l'umiliazione - e che umiliazione! - di non cacciarlo noi dal potere, ma di vederlo rimosso da poteri più forti di lui, dai banchieri massoni, da nani complessati stranieri... con il differenziale tra i bond tedeschi e quelli italiani... e sali sull'autobus e senti la vecchia di settant'anni che parla preoccupatissima dello spread!!! E la gente festeggia. E Bianca Berlinguer è raggiante di felicità. E un governo di politici corrotti e mafiosi è stato sostituito da un governo di banchieri fallimentari, che per difendere i loro capitali dalle speculazioni finanziarie ora ruberanno e devasteranno il poco che ci rimane. Abbiamo come ministri l'amministratore delegato di banca intesa e il consigliere di banca intesa.
E come presidente del consiglio... va beh, lasciamo perdere va.
Beati quelli che sono contenti, beati quelli che guardano il Tg3 e festeggiano. Affogheranno nella loro propria merda con il sorriso sulle labbra, beati e giocondi. Meglio che farlo incazzati e bestemmiando, no?
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

P.S.: COMPAGNI!?! A quando le nuove mobilitazioni? Ora che ci siamo anche scrollati i pdini buonisti/capitalisti dalle s-palle possiamo iniziare un vero antagonismo senza il rischio di spaventarli! Dai! Compagni dove siete? Dove cazzo sieeeeteeeeeee?
Nel frattempo mentre aspettiamo risposta vi consiglio di riprendervi un pò della vostra sovranità cerebrale, guardate il nostro film o scaricatelo gratuitamente da questo blog:
ULTIMA TRASMISSIONE e la vostra ulcera ne trarrà giovamento.

20111111

Svolta?


La democrazia non si difende più, neanche di facciata. Il capitale si rende conto che il tracollo è vicino e irrimediabile, e nel tentativo di allungare ancora un po' l'agonia perde ogni pudore.
Dopo aver scippato il popolo greco dal diritto di decidere sul proprio futuro, ora tocca al popolo italiano. Cade un governo ma non ci saranno elezioni, neanche i loro metodi di facciata, le regole che ci hanno imposto nella costituzione, vengo più rispettate. Troppi pericoli si corrono, troppi squali nel mare, troppe incognite. Il Mov5stelle potrebbe assumere un ruolo importante dentro il parlamento, i partiti di regime sarebbero spazzati via in questo momento da un popolo esausto dal tanto sfruttamento di questi satrapi, l'astensione potrebbe essere altissima e restituire un parlamento ancora più indebolito, una democrazia ancora più agonizzante.
Quindi commissariamento estero immediato e indiscutibile. Noi non dobbiamo decidere un cazzo. I celerini di merda che ci massacrano alle manifestazioni potrebbero iniziare a rendersi conto che non rispondono più neanche allo stato italiano, ma a quegli stessi capitalisti stranieri che lo mettono in culo pure a loro. Schiavi deficienti svegliatevi! Sgozzate i vostri dirigenti corrotti e asserviti e unitevi al popolo!

Ora ci tocca il capitalista buono, il preside della Bocconi, che si cala le brache davanti alle imposizioni che arrivano dagli yankee, dai francesi e i tedeschi.
Ci deruberanno anche il poco che ci rimane. Perché siamo tornati ad essere, incredibilmente e nostro malgrado, il fulcro dei destini dell'occidente! Se crolla il capitalismo in Italia seguono a ruota Spagna e Portogallo e quindi la Francia. Se crolla la Francia crolla l'Europa, se crolla l'Europa finisce il capitalismo! Siamo in un periodo di svolta, ma non siamo per niente pronti ad affrontarlo...
Se gli indignati italiani sono sempre i soliti quattro disobbedienti deficienti, se il Mov5Stelle pensa veramente di poter trovare soluzioni per questo paese in una sorta di capitalismo buono, se la sinistra radicale è Vendola... se nessuno, in fondo, è disposto a rinunciare a nulla di ciò che ha già in saccoccia, né a un pizzico della propria comodità borghese... allora ci metteranno un attimo a farci sprofondare ancor più nella merda.

20111103

Bianca Berlinguer vs Democrazia


Il direttore del tg3, Bianca “Indegna di questo cognome” Berlinguer, che ha ridotto l'unico tg che uno poteva guardare nel salotto di D'Alema & Co., paladina dei democratici più reazionari, ieri ha detto che “purtroppo” la Grecia andrà al referendum e questo sta avendo effetti catastrofici sull'Europa. Non risulta curioso vedere come davanti alla possibilità che il popolo greco dica la sua sulle iniziative di politica economica che devono essere applicate in Grecia, cioè che si applichi un vero processo democratico dove il popolo decide il proprio destino, i “veri democratici” su tutti i media abbiano dichiarato che la decisione del governo Greco è scellerata, folle e disastrosa? Io capisco la preoccupazione della Berlinguer, tutte le sua obbligazioni, le stock options, le sue svariate case e interessi, se crolla il capitalismo crollano con lui. E lei potrebbe ritrovarsi su un autobus per andare a reperire del cibo di fianco a qualcuno che la riconosce, e che si ricorda cosa diceva e faceva “prima”...

Però risulta più difficile accettare il sarcasmo volgare di una completamente scollata dalla realtà che pretende di raccontare. Infatti poi Bianca, non contenta, ridacchiando, ha detto che i greci almeno stanno peggio di noi, e che il governo Papandreu ha rimosso i vertici dell'esercito per paura di un colpo di stato. Ridacchiando, come fosse una battuta...

Questa crisi finanziaria sta facendo cadere definitivamente le maschere dei democratici. Il popolo si sottomette, si inganna, si deruba o si uccide, ma MAI va consultato, se non per cose futili come scegliere il rappresentante della dittatura finanziaria che lo governa. E i peggiori sono proprio quelli come la Berlinguer. Peggio di un Vespa qualsiasi. Almeno quelli li conosci e li eviti. Mentre questi passano per i buoni. E Invece sono quelli che se e quando prenderanno il potere ci faranno rimpiangere il nano complessato, si caleranno le braghe davanti ai banchieri europei in cambio di un po' di soldi e un po' di potere, e ci porteranno sempre più vicino a una dittatura militare, ultima difesa del capitale. E continueranno a sputare sentenze senza che nessuno possa replicare, con il loro buonismo del cazzo, sentendosi anche dalla parte del giusto. Gli ignoranti, saccenti, stolti, disonesti e volgari personaggi come Bianca, sono i nemici più pericolosi. SIAMO STUFI DEGLI ITALIANI COME VOI! DOVETE SPARIRE! Ma visto che non lo faranno se li vedete per strada almeno sputategli in faccia, echecazz...

20111102

Colpo di scena


Il popolo greco ci salverà dal FMI, dalla BCE, dalla Banca Mondiale e da tutti i becchini del capitalismo?

Oggi son giorni di speranza. L'attaccamento al potere di un vecchio bastardo come Papandreu è l'inizio della fine dell'Europa. Le stesse caratteristiche che hanno portato il capitalismo a dominare sono quelle che lo faranno crollare. Lo sfrenato egoismo del singolo, porterà alla fine del sistema e, se questa fine non sarà TOTALE, potremmo iniziare a configurare una NUOVA UMANITA', basata sulla solidarietà, la comunione dei beni e la simbiosi con Pachamama.

Un referendum in Grecia che bocci le misure imposte dai banchieri europei scatenerebbe il panico nel mondo della finanza e l'apocalisse del capitalismo in Europa. Infatti il nano francese si è subito premurato di minacciare il ritorno della guerra su suolo europeo... La Francia è quella che rischia di più, da grande potenza mondiale si troverà presto al livello di Italia e Spagna, cioè nella merda, forse anche più di noi, che almeno siamo abituati a sguazzarci, nella merda. I neo-colonialisti rimarranno con le pezze al culo, così impareranno a non comprare sovranità nazionale di altri paesi, con lo scopo di imporgli la propria politica economica. Sappiamo che la TAV è imposta dai francesi, che i Carrefuor oramai hanno invaso tutta la Spagna, noi siamo invasi dagli Auchan, e che la politica economica di Zapatero si decide a Parigi. Almeno la nostra la decidono le mafie locali...

La caduta del capitalismo comporterà miseria e morte, i capitalisti moriranno uccidendo, dobbiamo stare attenti, sono pericolosi. Le minacce del nano francese non vengono a caso. Ma non dobbiamo scoraggiarci. La lotta continua.

Forza popolo greco, da bisfrattati dell'Europa ad ago della bilancia dei destini del continente! Resisti, faranno di tutto per far fallire quest'opportunità, è l'ora riscatto!