20110428

Il prezzo della pasta



Riproponiamo un servizio di Report che parla di Economia, quella vera, quella con la E maiuscola, da una parte, e dell'economia liberista predatoria e suicida dall'altra.
Il 50% del prezzo di un qualsiasi prodotto che acquistiamo se lo fotte la distribuzione, gli intermediari.
E chi credete che siano gli intermediari?
Sono queste pazze sanguisughe che devastano tutto per i soldi che gli permettono la loro triste esistenza, piena di consumi che denotano solo vuoti emotivi, ignoranza, e complessi.
Bisogna tagliare fuori queste sanguisughe capitaliste. Bisogna fare il piccolo sforzo quotidiano di procurarsi cibo e oggetti che escano da questa dinamica capitalista. Se no anche noi siamo responsabili della morte di centinaia di milioni di persone e della distruzione del nostro habitat. Sopratutto se è la nostra pigrizia borghese a indurci ad essere lassisti su questo nodo cruciale dell'esistenza. Le offerte dei supermercati sono come i patti con il diavolo, per un piccolo beneficio momentaneo uno si condanna alla dannazione eterna!
Risparmia 50 centesimi sul pacco di pasta, uccidi 200 bambini in qualche parte del mondo finanziando un trafficante d'armi, risparmia un euro sulle arance, devasta un bosco intero, inquina un fiume che dà da bere a migliaia di persone e animali, pur di avere un mobile Ikea a prezzi vantaggiosi...
Questi finti piccoli risparmi, provocano dei danni tremendi, delle conseguenze drammatiche.
É come se ogni volta che uno volesse fumare una sigaretta, incendiasse un bosco intero per accenderla. La proporzione beneficio/danno è la stessa.

Se prendessimo coscienza di quali e quanto atroci sono le conseguenze di questo nostro “innocente” agire...
Altro che votare per scegliersi chi ti schiavizzerà, la vera scelta Politica la si fa quando si acquista LA PASTA!
Economia dal basso. La soluzione ad ogni Default economico.
Speriamo arrivi presto, noi siamo pronti

20110423

Per fortuna che la Mafia c'è


In questo mondo capitalista sfrenato, secondo la Loro logica sucida di crescita infinita, noi dobbiamo essere grati alla N'Dranagheta, alla Camorra e a Cosa Nostra. Nn passerà molto che ci inizieranno a far passare il messaggio mediatico che in fondo la mafia fa bene, che è un patrimonio culturale ed economico da rispettare.
In effetti sono le uniche tre multinazionali veramente potenti che ci rimangono al mondo, forse solo l'Eni è ancora a un livello simile, anche per mafiosità intendo. La FIAT si da. Non è più una multinazionale italiana. E poi nn conta un cazzo già da tempo.

Le nostre tre mafie, sono il vero “Made in Italy” vincente. Di fatto sono l'unico motivo per il quale l'Italia nn è ancora stata cacciata del G8. Senza la mafia che cosa conteremmo ormai?

É logico che il nostro parlamento sia l'espressione di tutto ciò, l'espressione del vero potere forte di questo paese, delle grandi e potenti multinazionali italiane.

La N'Drangheta S.P.A, la Cosa Nostra Corporation e la Camorra System.

La N'Drangheta detiene il monopolio di tutto il traffico di cocaina mondiale. In quei 4 paesini di pecorari del cazzo c'è di tutto. Hanno pure carri armati e missili antiaerei nelle stalle della Locride. Se volessero potrebbero imporre una dittatura domani. Ma nn gli converrebbe, hanno già tutto ora, e sono + defilati. Perché creare problemi se la situazione adesso è già sotto controllo.

La mafia siculo-americana, invece, nell'immaginario della decerebrata collettività, è finita con il Padrino 3. Invece Cosa Nostra è continuata proprio da dove era finito il Padrino 3. Le famiglie italo-americane sono alla fine riuscite a legalizzare i loro “bisnéss”, e si sono convertite in brave persone, i figli dei padrini cruenti degli anni '70 sono i colletti bianchi di oggi, siedono nei consigli di amministrazioni delle Corporation e nn si sporcano mai le loro candide mani, ma continuano a giocare ad essere i padroni del mondo, in modo ancora + ipocrita e devastante però. Senza neanche quel romanticismo con connotati un po' libertari che ci hanno regalato i film di Coppola(il primo e il secondo ovvimente, il terzo è citato solo per convenienza narrativa, se nn lo avete visto NN FATELO!).

La Camorra ha insanguinato il centro di Napoli con decine di morti solo pochi anni fa. Mi ricordo qualcosa. Un ricordo seppellito da strati e strati di milioni di altre notizie. Il ricordo che quello fu un inverno lungo nei Quartieri Spagnoli, un natale di fuoco. Dove morirono anche innocenti. I nuovi assetti del dopo guerra hanno portato la Camorra ad avere un rapporto privilegiato con la “Nuova Prima Potenza Mondiale”, la Cina, e a controllare il porto di Napoli, che è il più grande accesso di materiale proveniente dalla Cina all'Europa. E a controllare la distribuzione della droga che importa la N'Drangheta. E l'affare dei rifiuti. E chissà quant'altro. Che poi sono tutte e tre interconnesse, ovviamente, 'ste cazzo di mafie.

Bisogna riuscire ad immaginare, per poter capire, che queste famiglie controllano quantità di denaro incredibili, si parla di MILIARDI di euro all'anno. Hanno più disponibilità economica loro di un Gheddafi qualsiasi. Potrebbero sostenere una guerra contro una grande potenza. Hanno tutto quindi. Possono comprare qualsiasi cosa.

Ma il ragionamento va un po' più in là. Chi ha disponibilità economiche così grandi? Cioè, se tu vivi sui 1000 euro al mese, ti confronti e relazioni e hai scambi economici con persone, per forza di cose, che si misurano sulle migliaia di euro al mese. Quelle che hanno i milioni nn li si vede, quelli si confrontano tra loro. Queste sono le caste del capitalismo, ovvio. Ma se tu hai MILIARDI di euro con chi li fai gli affari? Con gli stati, la chiesa cattolica romana e con le megamultinazionali. Le mafie, quindi l'economia nascosta, diciamo così, fuori dalle regole che i capitalisti si sono auto-imposti per dare una parvenza di democrazia alla nostra società, sono in realtà la via attraverso la quale il capitalismo fa tutto il lavoro sporco. Quindi le mafie sono assolutamente funzionali a questo sistema e agli stati che dicono di combatterle.

La Mafia esiste perché esiste lo Stato Democratico/Capitalista (disgressione:è evidente che una cosa nega l'altra, o il popolo ha il potere o c'è capitalismo, quindi il potere di sfruttare e prevaricare di pochi ai molti, quindi una democrazia basata su un sistema economico capitalista, nn è una democrazia ma è una STRONZATA), questo è dimostrato in modo inconfutabile dalla storia della repubblica italiana, dallo sbarco degli yankee ad oggi, la mafia nn è altro che l'altra faccia della medaglia Stato-Capitalista, uno degli strumenti dell'impero per la soggiogazione della provincia italica. Siamo in mano loro, il capitalismo italiano nn può fare a meno della mafia, la mafia è organica al sistema, senza di lei fallirebbe, e ci sarebbe il famoso e auspicabile default economico. Mi piacerebbe nn sentire più parlare di lotta alla mafia da parte dei capitalisti-buonisti, è come sentire un macellaio che ti parla di veganismo...

20110415


Fino a quando ad essere ammazzati saranno i Vik e a rimanere vivi e a parlare di stronzate saranno i Saviano di merda...

20110404

NOTIZIA! Guarda la tv e nn si accorge che il mondo nn c'è più...


La situazione in Giappone è sempre + grave. Ma nn sembra. Anzi, la notizia scala vertiginosamente nei notiziari sempre + all'interno, via via che passano i giorni, come se il pericolo fosse sempre minore.
Invece la situazione è sempre più grave, assolutamente fuori controllo. Si paventano conseguenze ben peggiori di quelle di Chernobyl e di quelle di Three Mile Island (A Three Mile Island, dove si evitò il disastro per il rotto della cuffia nel 1979, il nocciolo si fuse in parte, e stanno lì a raffreddarlo ANCORA OGGI).
Conseguenze disastrose, e nn solo per il Giappone, devastato PER SEMPRE, ma per tutto il pianeta.
Le emissione sono sempre maggiori, a quanto pare, o almeno così dicono i più grandi network imperialisti (NY Times, CNN, Washington Post, ecc..), quindi visto che nn hanno nulla da guadagnarci tendo a credergli.
Il mare di fronte alla centrale è contaminato in modo pazzesco, con dei livelli altissimi di radioattività, che devasteranno l'habitat di interi ecosistemi per decenni, come minimo.
Inoltre concentrazioni enormi stanno raggiungendo gli strati più alti dell'atmosfera. Quindi si stanno diffondendo in tutto il pianeta. E questo allo stato attuale. Ma considerato che la situazione è COMPLETAMENTE FUORI CONTROLLO, siamo solo all'inizio. Quali conseguenze pagheremo per tutto ciò? C'è qualcosa di più drammatico e scoraggiante di un disastro del genere?
Tutti nel mondo sono preoccupati, qua invece è tutto tranquillo.
Meglio nn parlarne. Tanto quando arriva la nube radioattiva come ci si difende? Meglio nn creare panico, stare zitti, se nn c'è soluzione inutile preoccuparsi... molto Zen come approccio...

Sono molto triste. Questi sono danni che nn si risolvono in un paio di generazioni, nn basta una rivoluzione, questi sono danni perenni, di una gravità pazzesca. Mai l'uomo ha avuto così alla portata di mano la distruzione totale del suo habitat come in questi ultimi decenni. Ma soprattutto mai l'umanità è sembrata più deficiente e inetta per affrontare un dramma del genere.
Se nn impariamo una buona volta a ribellarci a questo sfrenato capitalismo infame ignorante e incosciente (ne esiste un altro?) periremo tutti in modo osceno.
E ce lo meriteremo.


P.S.: Se vuoi una botta di ottimismo cinematografico scaricati il nostro primo film:ULTIMA TRASMISSIONE. Da questo stesso blog o da www.teleaut.it Diffondi il tuo malessere. Socializza la tua rabbia. Ostenta la tua irriverenza verso il potere!

Prima che sia troppo tardi...